You are here
Home > ambiente > Zavattarello: miele, regine e letteratura. Un paese con la passione per le api

Zavattarello: miele, regine e letteratura. Un paese con la passione per le api

Riportiamo un articolo, uscito sul Corriere della Sera il 9 aprile, che ci parla di piccole realtà locali. Piccole e non significative? Affatto! Spesso la ricchezza di questi luoghi operosi ci porta in un’Italia che con passione e determinazione va avanti, tra mille difficoltà. Ed è per questo che la loro storia va raccontata, che faccia da stimolo a mille altre realtà. Insieme alla produzione e alla cultura delle api, e con le api (la prima edizione del ⇒ premio letterario l’Oro di Zavattarello) anche una Stazione Sperimentale per la Selezione dell’Ape Ligustica, grazie all’aiuto dell’AIAAR

Zavattarello è un paese bellissimo. Non lo ha stabilito un’indagine statistica sulla qualità della vita: lo hanno deciso le api. Perché loro, in questo borgo medievale di mille abitanti dell’Oltrepo Pavese, fanno un miele speciale da oltre 150 anni e hanno deciso di diventare le protagoniste della vita cittadina. Il paese delle api è un’enclave incontaminata in alta Val Tidone, dove il conte Luigi Dal Verme (il cui castello domina il paese) cominciò a vincere premi nazionali con il suo miele già nel 1869. Il nipote, sempre conte Luigi, nel 1920, fonda la prima società di apicoltura, istituisce una scuola comunale, stabilisce il decalogo dell’allevamento moderno. Il suo «erede» è, oggi, Alfredo Chiesa, 82 anni, apicoltore da 40. Tutti i nuovi adepti sono andati e vanno a scuola da lui. «Ho cominciato facendo miele per i miei tre bambini grazie a cinque arnie rustiche — racconta mentre si avvicina alle sue api —. Io impiegato dell’Enel tornavo a Zavattarello il sabato e la domenica e mi dedicavo a loro. Poi la passione mi ha preso, ho cominciato a impiegare tecnologie di allevamento più moderne, grazie alle quali le api non vengono più uccise per prelevare il miele ma si utilizza l’eccedenza, ho portato le arnie a 25 e ora mi dedico a loro con pignoleria».

Quest’anno la provincia di Pavia ha vinto due premi che sono finiti a Zavattarello: ad Alfredo Chiesa e agli apicoltori di Cascina Mirani. Ma i riconoscimenti, le «gocce d’oro», per il miele di qualità,sono di casa e così dal 2015 su iniziativa dell’imprenditore ed ex sindaco Enrico Baldazzi è nata Miele di Zavattarello. Associazione Apicoltori Oltrepò Montano che oggi raccoglie 46 soci che si sono dati un disciplinare rigidissimo nella gestione di 350 arnie. Anche per questo la qualità del miele di Zavattarello ha fatto il giro d’Italia e l’Associazione italiana allevatore di api regine, ha deciso di creare qui una importante stazione di fecondazione dell’Ape Ligustica, l’ape italiana, produttiva, fondamentale per l’ambiente, docile e operosa, la cui estinzione può mettere a rischio il nostro ecosistema. Se ne occupano i fratelli Matteo e Marco Veneroni.

Con la collaborazione del biologo Raffaele Dall’Olio i fratelli Veneroni stanno selezionando le api regine italiane. In un continuo scambio tra allevatori e apicoltori si sta cercando di saturare il territorio, di far vincere l’ape italiana, in modo da escludere altri ibridi dalla produzione. È stato dimostrato che l’incrocio genetico, allo scopo di aumentare la produttività, in apicoltura ha poco futuro: gli ibridi calano rapidamente di vigore, costringendo ad ibridazioni all’infinito. Non solo: il fenomeno del nomadismo mette a rischio l’ape italiana. Il nomadismo è la «transumanza» delle api, ovvero il trasferimento degli alveari da un luogo all’altro a scopi produttivi: fiorisce l’acacia ed ecco che gli allevatori in quei giorni spostano le arnie nei luoghi fioriti. Ma questo trasferimento mette a contatto api di razze diverse. «A novembre — spiega Simone Tiglio, sindaco di Zavattarello — il Comune ha deciso con un’ordinanza di vietare l’ingresso nel territorio comunale, e per un raggio di tre chilometri, alle arnie con regine diverse dalla Ligustica».

Tra le altre idee in corso di realizzazione: il Parco delle api; una sala dedicata all’apicoltura all’interno del castello Dal Verme; «L’Oro di Zavattarello», un premio letterario per racconti inediti sul mondo delle api da inviare entro il 31 maggio. Ma agli apicoltori non bastava lavorare per l’ape Ligustica. Era necessario verificare i risultati. Così è nata la Stazione di valutazione, un centro affidato a Marco Morone che ha il compito di svolgere i test seguendo le linee guida fornite dall’Aiaar. Per chiudere il cerchio è di questi giorni l’accordo tra apicoltori e agricoltori che, capeggiati da Marco Cavalleri, hanno concluso un acquisto collettivo di semi di facelia, una delle migliori piante mellifere, il cui polline è preferito dalle api che in questo nodo forniscono miele di alta qualità. La semina a giorni.


(fonte: Corriere della Sera, Milano Cronaca, Antonio Morra, 9 aprile 2018)

(l’immagine in evidenza è tratta dal blog l’apiario di luca api101.wordpress.com)

Enrico Pasini
Un passato da esploratore del mondo ICT, dalla Olivetti alla Siemens, sino a Atos Italia. Dal 2012 nel mondo dell'apicoltura con la passione della Comunicazione e dei Social Network. "Fatti non foste a viver come bruti ma per seguire virtute e canoscenza" Dante Inferno XXVI

Lascia un commento

Top