You are here
Home > prima pagina > Anteprima Rivista Nazionale di Apicoltura: Febbraio 2019

Anteprima Rivista Nazionale di Apicoltura: Febbraio 2019

MIELE TAROCCATO?

editoriale di Massimo Ilari
«Il miele è un prodotto taroccato». «Il miele è pieno di antibiotici». Sovente anche il comparto apistico si fa ventriloquo di queste affermazioni. Tutte notizie, queste, che stanno arrecando un forte danno all’immagine del miele. Insistere troppo su messaggi a tinte fosche, senza cercare di spiegare come stanno effettivamente le cose e senza attuare le adeguate contro-misure porterà a un ulteriore calo dei consumi che, in Italia, non sono poi così elevati
 

IL PROFUMO IN UNA STANZA, C’È ANCHE IL MIELE

Louis Sarti
Dagli estratti delle piante gli oli essenziali: non solo profumi e cosmetici ma soprattutto tanti effetti terapeutici. E poi c’è il miele che aggiunge quel quid che impreziosisce il tutto: il composto “miele+essenza” è dunque la soluzione ideale per veicolare gli oli essenziali, poiché il miele grazie alla sua velocità di assimilazione da parte dell’organismo permette una migliore distribuzione dei principi attivi racchiusi nelle essenze  

LEGAMBIENTE PRESENTA IL DOSSIER STOP PESTICIDI

Legambiente

Al convegno sull’Agricoltura libera da pesticidi, Legambiente ha presentato il dossier Stop pesticidi. Solo 1,3% i campioni alimentari fuorilegge ma 34% dei campioni regolari è contaminato da uno o più residui di fungicidi e insetticidi: il record è di un campione di peperone con 25 residui.

 

LA NUOVA STAGIONE È ALLE PORTE

Sergio D’Agostino Rossi

“Prima di iniziare ritengo doveroso premettere che i miei scritti sono indirizzati prevalentemente ai neofiti. I professionisti sanno bene cosa fare e cosa non fare. I miei rapporti con loro sono stati e sono di ben altra natura, di solito legati a difformità nel miele di vario genere e natura”

 

L’INVERNO È ANCORA FRA DI NOI

Maurizio Ghezzi

Apicoltore se hai stabilito una buona e giusta empatia con le tue amiche “apette” è questo il periodo dell’anno dove anche tu, come loro, uscirai dal lungo torpore invernale iniziando a spiccare un meraviglioso ed entusiasmante volo verso una nuova e splendida primavera che ti sta correndo incontro

 

IN CERCA DELL’APE RESISTENTE (parte II)

A cura di Marco Mantovani

Questo articolo è distribuito sotto i termini della Creative Commons Attribution 4.0 International License (http://creativecommons.org/licenses/by/4.0), che permette un utilizzo senza restrizioni, distribuzione, e riproduzione con qualsia-si mezzo, a condizione che si dia credito appropriato all’autore originale e alla fonte, fornire un link alla licenza Creative Commons e indicare se si sono effettuate variazioni. La ricercatrice Barbara Locke ci accompagna in un lungo viaggio di conoscenza dell’ape resistente. Prima parte

 

CHI MANGIA COSA NELL’ALVEARE

Luca Tufano

L’articolo che riproponiamo, tratto dall’Archivio Norberto Milani dedicato alle Patologie dell’Alveare (sezione Nutrizione) affronta il legame esistente tra alimentazione delle api e stato di salute complessivo delle colonie. A completamento dell’articolo troverete un questionario che potrete compilare in forma del tutto anonima e spedire alla rivista. Chi sarà ad Apimell 2019 potrà compilarlo e restituirlo direttamente al nostro stand

 

SENZA GLUTINE E’ MEGLIO? NO, SE NON SI E’ CELIACI. ECCO PERCHE’

a cura di Vita & Salute

La moda del senza glutine per tutti impazza da tempo. Tutto cominciò negli Stati Uniti, anche tra chi non soffriva di celiachia. La prova? Spuntano come funghi ristoranti e rivendite di prodotti gluten free, anche tra coloro che non soffrono di celiachia.

 

BUONE PRATICHE AGRICOLE E SALVAGUARDIA DELLE API

Michela Mosca

La divulgazione e la diffusione delle informazioni sono apparse a tutti condizione essenziale per la “educazione” di un substrato eccezionalmente eterogeneo, come apicoltori, agricoltori, contoterzisti e venditori. Il fine ultimo da persegui-re non sarebbe il mero trasferimento di nozioni ma un cambiamento culturale capace di instaurare un circolo virtuoso volto alla salvaguardia degli impollina-tori

 

LA VARROA NON SI NUTRE DI EMOLINFA

Claudia Blauert
L’Entomologo Samuel Ramsey, Università del Maryland, e il van Engelsdorp BEE-LAB comparando i tratti digestivi e gli escrementi della Varroa con altri acari e le loro abitudini alimentari, dai risultati, ha concluso che la Varroa non si nutre di liquidi. E allora di che cosa?
 

IN 100 ANNI INSETTI ADDIO (E LA GERMANIA PENSA A UNA LEGGE)

Stefania Marignetti / Adnkronos
Il piano d’azione per gli insetti arriva dopo il successo del referendum bavarese “salva-api”  

USO DEL MIELE IN APITERAPIA VETERINARIA

Alessia Menegotto
L’utilizzo dei prodotti delle api a fini terapeutici, è una disciplina con un grande potenziale di sviluppo, non solo in campo umano ma anche veterinario, un ap-proccio, quest’ultimo, che potrebbe vedere nei prossimi anni un incremento della sua diffusione, anche in Italia. L’articolo che state per leggere apre inte-ressanti prospettive  

FLORA APISTICA URBANA

Giancarlo Ricciardelli D’Albore

Le piante di questo numero: Banano, Pentolino, Non ti scordar di me, Mirto

 

TOC TOC

Una lettera di  Franco Lucarelli, risponde la Redazione

Attenzione alla caffeina

 
Apinsieme
Quelli che vogliono far volare insieme le Api

Lascia un commento

Top