You are here
Home > appuntamenti > Anteprima La Democrazia delle Api di Seeley

Anteprima La Democrazia delle Api di Seeley

La Democrazia delle Api di Thomas D. Seeley (titolo originale Honeybees Democracy, 2010 Princeton University Press, NJ, USA) vedrà prossimamente luce nella traduzione italiana curata ed edita da Edizioni Montaonda, con la traduzione di Luca Vitali. Della edizione originale del libro ne abbiamo già parlato nel nostro numero prototipo che portammo a Piacenza nel 2016. E non è un caso che torniamo a parlarne all’avvicinarsi del prossimo appuntamento di Apimell che si terrà dal 3 al 5 marzo 2017, Apinsieme sarà presente allo stand B103.

Per quella occasione sarà un anno dalla nascita del nostro Progetto, un progetto nato come atto di democrazia e di esplorazione. Nel prototipo di Marzo dello scorso anno Francesco Colafemmina ci ha parlato di come “Thomas Seeley ha dimostrato nel suo saggio Honeybee Democracy che le api usano un metodo di creazione del consenso totalmente differente rispetto a quello umano.” In particolare l’attenzione su un aspetto che ci sta a cuore ci colpì molto:

Le esploratrici che convergono su una scelta vanno a valutare con i propri occhi quanto proposto e decidono di danzare in quella direzione solo se vedono soddisfatti i requisiti ancestrali del nido perfetto. Qui non domina la logica del branco, qui non c’è un guru, un santone o un leader parapolitico capace di influenzare le scelte del gruppo; qui domina l’anonima azione del singolo al servizio del gruppo. Al contrario in apicoltura, ormai da più di un secolo, vige una visione radicalmente opposta della generazione del consenso: questo si aggrega solo sulla base del pregiudizio, dell’influenza del leader, dell’interesse individuale.

E i tre aspetti sono legati fra di loro: un guru apistico genera consenso perché, ad esempio, propone metodi “alternativi” di lotta alla varroa. E ciò si basa sul pregiudizio che i suoi metodi in quanto “alternativi” siano anche più efficaci di quelli usati dagli altri apicoltori. Non solo, ma la logica del guru rafforza dinamiche individualistiche: si crea il clan aggregato attorno al leader.

E’ per questo che con piacere pubblichiamo sul sito, in anteprima, il prologo alla edizione italiana – che sarà edita da Montaonda a breve –  e qui di seguito ne potete trovare il testo.

Ma non è tutto: potrete trovare a questo link, per gentile concessione di Edizioni Montaonda, alcune pagine estratte dal primo capitolo del libro (ndr 28.01.17 00:11 ovviamente in bozza)

Vi daremo presto altre informazioni sul libro, in uscita per le Edizioni Montaonda.

Dal prologo del libro “La Democrazia delle Api”

Gli apicoltori da lungo tempo hanno notato, con disappunto, che le api dei loro alveari verso la fine della primavera e l’inizio dell’estate hanno la tendenza a sciamare. Quando ciò accade, la maggioranza dei membri di una famiglia – una massa composta da qualche decina di migliaia di api operaie – vola via con la vecchia regina per formare una famiglia figlia, mentre le altre api restano a casa e allevano una nuova regina, in modo da perpetuare la famiglia d’origine. Le api sciamanti s’installano sul ramo di un albero formando un grappolo simile a una barba, e vi restano appese tutte assieme per svariate ore o per alcuni giorni. In questo lasso di tempo, questi insetti senza casa compiono qualcosa di davvero stupefacente: tengono un dibattito democratico in merito alla scelta della loro nuova abitazione. Questo libro si occupa della maniera in cui le api svolgono questo processo decisionale di tipo democratico. Esamineremo il modo in cui diverse centinaia delle api più anziane di uno sciame scattano in azione, diventando esploratrici di siti di nidificazione, e iniziano a esplorare i dintorni alla ricerca di anfratti oscuri. Vedremo come queste cacciatrici di case valutano i luoghi che trovano come possibili candidati per il nuovo nido; come annunciano le loro scoperte alle compagne esploratrici con danze vivaci; come discutono animatamente per scegliere il migliore sito per il nuovo nido, e come alla fine guidano la nube delle compagne in volo verso la nuova casa. Questa di solito è un tronco cavo, distante anche diversi chilometri. La ragione che mi ha spinto a scrivere questo libro sulla democrazia negli sciami delle api è duplice. In primo luogo voglio presentare a biologi e studiosi delle società un riassunto coerente delle ricerche su questo argomento che sono state condotte negli ultimi sessant’anni, a cominciare dal lavoro di Martin Lindauer, in Germania. Fino a ora le informazioni al proposito sono rimaste sparpagliate in dozzine di articoli, pubblicati in numerose riviste scientifiche, e ciò rende assai difficile vedere quanto ciascuna scoperta sia collegata a tutte le altre. La storia del modo in cui le api prendono una decisione democratica, basata su un confronto diretto, all’interno di un’assemblea che mira al consenso generale, è indubbiamente d’interesse per i biologi comportamentali che studiano le maniere in cui gli animali sociali prendono le loro decisioni collettive. Spero che ciò possa risultare rilevante anche per i neurologi che studiano la base neurale del processo decisionale, poiché tra gli sciami delle api e il cervello dei primati si osservano interessanti somiglianze nella maniera di elaborare le informazioni per giungere a una decisione. Spero inoltre che la storia delle api in cerca di casa possa essere utile agli studiosi delle società, per di migliorare l’affidabilità dei processi decisionali nei gruppi umani. Un’importante lezione che possiamo ricevere dalle api a questo proposito è che persino in un gruppo composto da individui amici con interessi comuni il conflitto può essere un elemento utile al processo decisionale. Spesso infatti per trovare la soluzione migliore a un dato problema conviene che un gruppo discuta le cose con attenzione. La seconda ragione che mi ha spinto a scrivere questo libro è il desiderio di condividere con gli apicoltori e i lettori non specialisti il piacere che ho provato studiando gli sciami delle api. Devo ringraziare queste bellissime piccole creature per le molte ore di pura gioia della scoperta, inframmezzate (naturalmente) da giorni e settimane di lavoro infruttuoso e talvolta scoraggiante. Per rendere il senso di emozione e sfida provato nello studio delle api racconterò numerosi episodi personali, riflessioni e pensieri su come vengono condotte le ricerche scientifiche. Il lavoro qui descritto si fonda sulla solida base di conoscenze che il compianto professor Martin Lindauer (1918 – 2008) con i suoi studi sulle api in cerca di casa ha aperto la strada negli anni ’50. Voglio quindi dedicare questo libro a Martin Lindauer, amico e maestro, le cui indagini pionieristiche hanno ispirato le mie successive esplorazioni nel meraviglioso mondo della società delle api.

Enrico Pasini
Un passato da esploratore del mondo ICT, dalla Olivetti alla Siemens, sino a Atos Italia. Dal 2012 nel mondo dell'apicoltura con la passione della Comunicazione e dei Social Network. "Fatti non foste a viver come bruti ma per seguire virtute e canoscenza" Dante Inferno XXVI

2 thoughts on “Anteprima La Democrazia delle Api di Seeley

  1. Grazie Apinsieme, solo una precisazione: le pagine in anteprima sembrano stampate ma sono ancora UNA BOZZA – potrebbero quindi contenere qualche imprecisione che nel libro stampato ovviamente NON CI SARA’!!!

  2. Nel caso degli insetti eusociali, e quindi di Apis mellifera nello specifico, credo che da un punto di vista prettamente biologico sia più corretto e appropriato il termine “eterarchia” per indicare l’organizzazione sociale e gerarchica dell’alveare.
    Ho già illustrato il concetto in passato, mi riprometto di farlo più diffusamente in futuro.

Rispondi a Luca Tufano Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top